Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

Home > 18-02-2003 n° - Contratti

18-02-2003 n° - Contratti

CCNI Comparto Scuola 18 febbraio 2003
concernente l'applicazione dell'art. 18, comma 4, del CCNL relativo al secondo biennio economico 2000/2001
CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA NAZIONALE

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA NAZIONALE

COMPARTO SCUOLA

 

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

 

Il Direttore dei Dipartimenti, dr. Pasquale Capo, e il Direttore generale del personale della scuola e dell’Amministrazione, dr. Antonio Zucaro, per la parte datoriale e la delegazione di parte sindacale legittimata alla contrattazione integrativa per il personale del comparto Scuola si sono incontrati il giorno 18 febbraio 2003, alle ore 9,00, presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e,

 

VISTO l’art. 39, comma 3 ter, della legge 27 dicembre 1997, n. 449;

VISTO l’art. 40, comma IV, del D.L.vo 30 marzo 2001, n. 165;

VISTA la nota n. 18618/C2 - 7.515 del 24 dicembre 2002 con la quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica - Ufficio relazioni sindacali - Servizio contrattazione collettiva ha riscontrato - d’intesa con il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze - la compatibilità economico - finanziaria dell’ipotesi di contratto collettivo nazionale integrativo sottoscritto in data 12 settembre 2002 in applicazione dell’art. 18, comma 4, del CCNL secondo biennio economico 2000/2001 del comparto Scuola, a condizione che vengano aggiunte, all’art. 3, comma 2, le parole: “che, nel caso di insufficienza dello stanziamento stesso, verrebbero proporzionalmente ridotte.”;

 

procedono alla definitiva sottoscrizione del contratto collettivo nazionale integrativo, già siglato come ipotesi il 12 settembre 2002, nel testo, modificato come sopra indicato, allegato al presente verbale unitamente alla dichiarazione congiunta di pari data e alla tabella di ripartizione.

 

 

Per la parte datoriale

Firmato

Pasquale CAPO

Antonio Zucaro

 

Per le organizzazioni sindacali

Firmato

CGIL – SCUOLA

CISL - SCUOLA

UIL - SCUOLA

SNALS - CONFSAL

 

 

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO

CONCERNENTE L’APPLICAZIONE DELL’ART. 18, COMMA 4, DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL SECONDO BIENNIO ECONOMICO 2000/2001 DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA.

 

 

PREMESSO CHE:

 

 

ai sensi del comma 4 dell’art. 18 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto scuola relativo al secondo biennio economico sottoscritto il 15 marzo 2001, occorre definire i requisiti, le modalità ed i criteri di erogazione dei compensi per il trattamento accessorio da corrispondere, con esclusione del personale dirigente scolastico, - al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso l’INVALSI, l’INDIRE, gli IRRE, - al personale docente , educativo ed ATA in servizio nei Distretti scolastici o comandato nell’Amministrazione centrale e periferica del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, - nonché al personale docente con incarico di supervisore nelle attività di tirocinio;

 

considerato che le risorse finanziarie accantonate per l’anno 2001 a tali fini sono costituite da una somma non superiore a lire quattro miliardi, in aggiunta a quanto previsto dall’art.27, comma 6, lettera B), lettera a) del CCNI del 31 agosto 1999;

 

considerato che le risorse finanziarie sopra indicate devono essere commutate in moneta corrente all’atto della stipula del presente contratto;

 

ritenuto più opportuno, pertanto, al fine di agevolare i calcoli da parte degli Uffici interessati, riportare nella tabella allegata al presente contratto le somme totali sia al “lordo Stato” che al “lordo dipendente”, e le somme parziali solamente al “lordo dipendente”;

 

tenuto conto dei dati complessivamente acquisiti, anche a seguito delle comunicazioni da parte degli Uffici dell’Amministrazione centrale e periferica, direttamente interpellati, relativi al personale rientrante nelle sopraindicate tipologie in servizio all’atto della sottoscrizione del CCNL del 15.3.2001, e riferiti, pertanto, all’anno scolastico 2000/2001;

 

dovendosi procedere alla individuazione dei requisiti, delle modalità e dei criteri di erogazione dei compensi per il trattamento accessorio da corrispondere al personale della scuola rientrante nelle categorie sopra elencate, come disposto dall’art.18, comma 4, del CCNL citato;

 

 

 

LE PARTI CONCORDANO QUANTO SEGUE:

 

Art. 1

Destinatari

 

Le somme di cui all’art. 18, comma 4, del CCNL del 15 marzo 2001, sono destinate, con esclusione del personale dirigente scolastico, al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso l’INVALSI, l’INDIRE e gli IRRE, al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso i Distretti scolastici, al personale docente, educativo ed ATA comandato nell’Amministrazione centrale e periferica del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nonché al personale docente con incarico di supervisore nelle attività di tirocinio.

 

Art. 2

Piano di ripartizione delle risorse e costituzione del fondo a livello regionale e centrale

 

La somma complessiva, di cui all’art.18, comma 4, del CCNL del 15 marzo 2001, di lire cinque miliardi è pari a € 2.582.285 “lordo Stato” e € 1.945.957 “lordo dipendente”, ed è così ripartita:

- € 2.497.587 “lordo Stato”, pari a € 1.882.130 “lordo dipendente”, a livello regionale;

- € 84.698 “lordo Stato”, pari a € 63.827 “lordo dipendente”, a livello dell’Amministrazione centrale.

 

A livello regionale, il fondo è costituito dalla somma delle quote indicate alle seguenti lettere:

 

la somma di € 361.520 è destinata al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso l’INVALSI, l’INDIRE e gli IRRE, ed è distribuita proporzionalmente al numero delle unità di personale comunicato dai medesimi Istituti;

 

la somma di € 973.108 è destinata al personale docente ed educativo impegnato nelle attività formative e di tirocinio ed è definita nella misura di € 1.033 per quello con esonero parziale ed € 929 per quello con esonero totale, atteso che le funzioni correlate a tale incarico rivestono, per loro natura, carattere fondamentalmente omogeneo su tutto il territorio nazionale;

 

la somma di € 547.502 è destinata al personale docente ed educativo impegnato nelle attività connesse ai progetti per l’autonomia scolastica nonché al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso i Distretti o comandato presso gli Uffici periferici dell’Amministrazione.

 

A livello centrale il fondo è costituito dalla somma di € 63.827, che è destinata al personale docente ed educativo impegnato nelle attività connesse ai progetti per l’autonomia scolastica nonché al personale docente, educativo ed ATA in servizio o comandato presso gli Uffici dell’Amministrazione centrale.

 

Il piano di ripartizione sopra indicato è riportato nell’allegato prospetto che è parte integrante del presente contratto.

 

 

Art. 3

Criteri di erogazione

 

I Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali provvedono a mettere a disposizione dell’INVALSI, dell’INDIRE e degli IRRE le quote indicate nell’allegato prospetto rispettivamente assegnate ai medesimi Istituti, ai fini della relativa contrattazione integrativa d’Istituto per la determinazione dei criteri e delle modalità di erogazione.

 

I Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali provvedono a corrispondere al personale interessato di cui al precedente punto b) le somme di cui al medesimo punto b), nei limiti del relativo stanziamento che, nel caso di insufficienza dello stanziamento stesso, verrebbero proporzionalmente ridotte.

 

Sulla somma di cui al precedente punto c) i Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali provvedono a definire in sede di contrattazione integrativa a livello regionale i criteri e le modalità di erogazione al personale destinatario in relazione alle specifiche attività svolte.

 

L’Amministrazione centrale provvede a definire in sede di contrattazione integrativa nazionale del personale del comparto scuola i criteri e le modalità di erogazione al personale destinatario in relazione alle specifiche attività svolte.

 

Nell’individuazione dei criteri di ripartizione la contrattazione di cui ai commi 3 e 4 terrà in debita considerazione l’effettiva attività svolta, sia in termini qualitativi e quantitativi, sia in termini di svolgimento di compiti connessi a particolari finalità.

 

 

Roma, 18 febbraio 2003

 

 

PIANO RI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE DI CUI ALL’ART. 18, COMMA 4, DEL CCNL DEL 15.3.2001

 

 

 

 

 

 

Art.2- c. 2-

lettera a)

Art.2- c. 2-

lettera b)

Art.2- c. 2-

lettera c)

 

Lordo

stato

Lordo

dipendente

Lordo

dipendente

Lordo

dipendente

Lordo

dipendente

ABRUZZO

119.188

89.818

20.981

54.331

14.506

BASILICATA

72.780

54.845

9.684

35.945

9.216

CALABRIA

85.398

64.354

9.146

22.724

32.484

CAMPANIA

123.474

93.048

16.677

38.321

38.049

EMILIA ROMAGNA

184.313

138.894

20.981

84.699

33.214

FRIULI VENEZIA GIULIA

82.072

61.848

16.139

23.447

22.262

LAZIO

213.642

160.996

20.981

76.436

63.579

LAZIO INVALSI

26.414

19.905

19.905

 

0

LIGURIA

100.090

75.426

24.209

30.781

20.436

LOMBARDIA

271.131

204.319

24.209

112.897

67.212

MARCHE

150.516

113.426

21.519

69.618

22.288

MOLISE

42.731

32.201

16.677

10.226

5.298

PIEMONTE

179.123

134.984

32.817

59.496

42.671

PUGLIA

80.676

60.796

15.601

12.808

32.386

SARDEGNA

78.637

59.259

12.911

32.020

14.328

SICILIA

194.703

146.724

12.911

102.878

30.934

TOSCANA

145.160

109.390

18.291

51.233

39.866

TOSCANA INDIRE

24.272

18.291

18.291

 

0

UMBRIA

78.443

59.113

11.297

33.880

13.936

VENETO

244.823

184.494

18.291

121.367

44.835

TOTALE

2.497.587

1.882.130

361.520

973.108

547.502

 

 

 

 

 

Art.2- c. 3

AMM. CENTRALE

84.698

63.827

 

 

63.827

TOTALI

2.582.285

1.945.957

361.520

973.108

611.329

 

Dichiarazione congiunta

 

Le parti concordano sull’opportunità di confermare il presente accordo anche per l’anno 2002, una volta definite le procedure di erogazione delle disponibilità finanziarie per tale anno.

 

Roma, 18 febbraio 2003

 

 

Scadenze di: agosto 2022
<>