Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > DM su aree tecnologiche e figure professionali nazionali di riferimento degli ITS Academy - Informativa al MIM

DM su aree tecnologiche e figure professionali nazionali di riferimento degli ITS Academy - Informativa al MIM

Lo Snals-Confsal, apprezzando le finalità del DM ed il lavoro svolto fin qui dall'Amministrazione soprattutto perché aderente alle reali necessità del mondo del lavoro dell'area tecnologica …

Si è svolta, presso il Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione del MIM, l’informativa sull'attuazione della legge n. 99/2022 relativamente all’istituzione del sistema terziario di istruzione tecnologica superiore – decreto sulle aree tecnologiche e le figure professionali nazionali di riferimento degli ITS Academy.

L’Amministrazione, rappresentata dal Capo Dipartimento Carmela Palumbo, ha evidenziato che il lavoro svolto è ancora in una fase iniziale e che è stato portato avanti previo confronto con le Regioni e con i rappresentanti delle varie realtà produttive del nostro Paese e tenendo conto dell’odierna ampia offerta formativa degli attuali ITS, ma anche con la prospettiva di intercettare il più possibile quelle che saranno le professioni del futuro, favorendo l’aumento delle competenze dei futuri lavoratori nell’ambito dei profili della transizione digitale e della transizione green (sostenibilità delle attività tecnologiche).

In particolare, il DM in questione, che dovrà andare al CSPI, alla Conferenza Stato-Regioni ed avere il concerto di un altro Ministero ed il parere delle competenti Commissioni parlamentari, secondo quanto previsto dall’articolo 3, commi 1 e 2, della legge 15 luglio 2022, n. 99, individua, in relazione ai percorsi formativi di ciascun ITS Academy:

a)   le aree tecnologiche di riferimento;

b)   le figure professionali nazionali di riferimento, in relazione a ciascuna area tecnologica e agli eventuali ambiti in cui essa si articola a livello nazionale;

c)   gli standard minimi delle competenze tecnologiche e tecnico-professionali in relazione a ciascuna figura professionale e agli eventuali profili in cui essa si articola, classificati in termini di macro-competenze in esito;

d)   i diplomi rilasciati a conclusione dei percorsi formativi,

e prevede che gli ITS Academy realizzino i propri percorsi formativi con riferimento alle seguenti aree tecnologiche:

Area n. 1 - Energia

Area n. 2 - Mobilità Sostenibile e logistica

Area n. 3 – Nuove Tecnologie della vita

Area n. 4 - Sistema Agroalimentare

Area n. 5 - Sistema Casa

Area n. 6 - Meccatronica

Area n. 7 - Sistema Moda

Area n. 8 - Servizi alle imprese e agli enti no profit

Area n. 9 - Tecnologie Innovative per i beni e le attività culturali - Turismo

Area n.10 - Tecnologia dell’Informazione e della Comunicazione.

Ciascun ITS Academy si rifà a una specifica area tecnologica tra quelle sopra individuate a condizione che, nella medesima provincia, non siano già presenti ITS Academy operanti nella medesima area. Potranno essere stabilite eventuali deroghe, d’intesa fra il Ministero dell’istruzione e del merito e la regione interessata.

E’ previsto un allegato per definire le figure professionali nazionali di riferimento dei percorsi formativi correlate a ciascuna delle aree tecnologiche e ai relativi ambiti. Le medesime figure professionali sono referenziate alla nomenclatura e alla classificazione delle unità professionali (ISTAT CP 2011), nonché al Quadro europeo delle qualificazioni (EQF) e possono essere ulteriormente declinate in profili, a livello territoriale, dalle Fondazioni ITS Academy in relazione alle specifiche competenze ed applicazioni tecnologiche richieste dal mondo del lavoro e delle professioni, in ogni caso riferibili alle specifiche esigenze di situazioni e contesti differenziati.

I profili sono proposti annualmente dall’ITS Academy alla Regione per la loro approvazione e l’inserimento nella programmazione regionale dell’offerta formativa.

L’articolazione nei profili a livello territoriale è espressa in termini di competenze ovvero di aggregati di competenze i quali, in particolare, devono:

a) essere esercitabili in contesti e situazioni lavorative diverse;

b) essere indipendenti da assetti strutturali, funzionali e organizzativi delle imprese;

c)   non essere coincidenti con profili contrattuali nei termini di categorie, livelli di inquadramento ovvero rapporti di lavoro;

d) essere atti a descrivere apprendimenti comunque acquisiti dalle persone, in contesti formali, non formali o informali, senza riferimenti a requisiti individuali.

Il Comitato nazionale ITS Academy propone l’aggiornamento, con cadenza almeno triennale, delle aree tecnologiche e delle figure professionali nazionali di riferimento per ciascuna area.

L’accesso ai percorsi formativi degli ITS Academy è consentito ai giovani e agli adulti in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

a) diploma di scuola secondaria di secondo grado;

b) diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale unitamente al certificato di specializzazione tecnica superiore conseguito all’esito dei corsi di istruzione e formazione tecnica superiore della durata di almeno 800 ore.

Le Fondazioni ITS Academy appartenenti ad aree tecnologiche differenti, che insistono sul medesimo territorio regionale, possono collaborare al fine di erogare e gestire percorsi formativi ibridi, i quali si caratterizzano per l’inserimento di alcune Unità Formative atte a declinare e curvare le competenze dell’area tecnologica professionalizzante, il cui peso nel curricolo rientra in un intervallo compreso tra il 10 e il 25 per cento del monte orario complessivo del biennio formativo.

Al superamento delle prove di verifica finale delle competenze acquisite nei percorsi formativi ITS Academy potranno essere rilasciati il diploma di specializzazione per le tecnologie applicate, corrispondente al V livello EQF, e il diploma di specializzazione superiore per le tecnologie applicate, corrispondente al VI livello EQF.

I diplomi con l’area tecnologica, la figura professionale nazionale di riferimento e l’eventuale sua articolazione in profili, declinati a livello regionale saranno rilasciati dal Ministero dell’istruzione e del merito, validi su tutto il territorio nazionale e costituiranno titolo valido per l’accesso ai pubblici concorsi.

 

Lo Snals-Confsal, apprezzando le finalità del DM ed il lavoro svolto fin qui dall’Amministrazione soprattutto perché aderente alle reali necessità del mondo del lavoro dell’area tecnologica, ha segnalato alcuni refusi contenuti nel testo del provvedimento e l’assoluta necessità, per la sua efficacia nel tempo, dell’aggiornamento, con cadenza almeno triennale, delle aree tecnologiche e delle figure professionali nazionali di riferimento per ciascuna area, da parte del Comitato nazionale ITS Academy (art. 3, c. 6).

Ha poi sottolineato l’importanza di una formazione che dia conoscenze, competenze e abilità altamente specializzate anche, però, con un’attenzione all’etica ed a conoscenze di carattere più generale e chiesto più tempo per una analisi più compiuta degli allegati al DM.

Scadenze di: marzo 2024