Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Pareri CSPI: Percorso di formazione e di prova personale docente ed educativo; Integrazione requisiti accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze

Pareri CSPI: Percorso di formazione e di prova personale docente ed educativo; Integrazione requisiti accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze

Seduta plenaria CSPI del 4/8/2022

-    Schema DM su percorso di formazione e di prova del personale docente ed educativo (pdf)

Si riporta di seguito la sintesi del Parere del CSPI sullo schema di decreto del Ministro dell’istruzione recante «Disposizioni concernenti il percorso di formazione e di prova del personale docente ed educativo, ai sensi dell’articolo 1, comma 118, della legge 13 luglio 2015, n. 107 e dell’articolo 13, comma 1, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, nonché la disciplina delle modalità di svolgimento del test finale e definizione dei criteri per la valutazione del personale in periodo di prova, ai sensi dell’articolo 44, comma 1, lett. g), del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, convertito con modificazioni dalla legge 29 giugno 2022, n. 79», approvato nella seduta plenaria del 4/8/2022.

 

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, richiamando quanto già espresso in precedenti pareri, ribadisce la centralità e l’importanza del reclutamento e della formazione iniziale del personale, ai fini di un autentico esercizio del diritto di istruzione nel sistema scolastico pubblico.

Il CSPI rileva, ai fini di una completa definizione del profilo docente, la necessità di una formazione ampia e integrata di tutte le competenze della professione docente, a partire da quelle pedagogiche relative alla costruzione consapevole del modello di scuola e di stile di insegnamento, alla gestione della relazione educativa e al dialogo formativo fra le generazioni, anche alla luce dei bisogni e delle emergenze socio-educative manifestatesi nella pandemia. A tali competenze si integrano quelle metodologiche, didattiche, linguistiche, ecc.

Pur apprezzando il tentativo di realizzare una organica riforma del sistema di reclutamento e di formazione iniziale, il CSPI ha rilevato che sarebbe opportuna una riflessione rispetto all'orizzonte temporale di applicazione complessiva di tutta la riforma: il decreto-legge 30.4.2022, n. 36, all'art. 44, c. 1, lett. c), riscrive, infatti, l’art. 2 del decreto legislativo n. 59/2017 e interviene sul “Sistema di formazione iniziale e accesso in ruolo” definendo l’impalcatura del nuovo sistema di reclutamento e interviene nello specifico sulla modifica dell’art. 13 del decreto legislativo, che riguarda l’"Anno di prova e immissione in ruolo”.

Il CSPI, infine, rispetto al complesso delle figure coinvolte nella nuova procedura e in considerazione dell’esiguità dell’attuale dotazione organica, propone di implementare l’organico dei dirigenti tecnici.

Pertanto, il CSPI esprime parere favorevole sullo schema del Decreto in oggetto e auspica che siano tenute in considerazione le riflessioni riportate nella premessa e le proposte di modifica relative all'articolato a cui si rimanda.

 

 

 

-    Schema DI sull’integrazione dei requisiti di accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze (pdf)

Il CSPI, nella seduta plenaria del 4/8/2022, ha approvato il Parere sullo Schema di decreto del Ministro dell’istruzione di concerto con il Ministro dell’università e della ricerca recante l’integrazione dei requisiti di accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze, ai sensi dell’articolo 18-bis, comma 6, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, di cui riportiamo la sintesi di seguito:

 

Il Decreto Interministeriale in oggetto attua quanto previsto dall’art. 18-bis, comma 6, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, introdotto dall’articolo 44, lettera l) del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 giugno 2022, n. 79, che prevede, con decreto del Ministro dell’istruzione, di concerto con il Ministro dell’università e della ricerca, l'integrazione dei requisiti di accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze.

Attraverso la modifica e integrazione dei titoli di accesso alle classi di concorso A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze, il Decreto intende garantire la maggiore copertura di docenti nelle discipline scientifiche.

Si tratta, infatti, di due tra le classi di concorso, comunemente identificate con l’acronimo “STEM”, in cui vi è maggior fabbisogno di docenti, sia per le assunzioni di ruolo, sia per la copertura del personale assente temporaneamente.

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione aveva già espresso, in precedenti pareri, la necessità di “rivedere” tutte le classi di concorso e di abilitazione con i relativi requisiti di accesso previsti dal Decreto n. 59/2017 che nel corso degli anni ha mostrato diverse criticità; tale necessità è diventata adesso cogente per l’attuazione del PNRR. Tale necessità è stata evidenziata anche in relazione al parere CUN del gennaio 2018 in cui si rilevano numerose criticità nei requisiti di accesso alle classi concorsuali per l’insegnamento.

Il provvedimento sicuramente cerca di risolvere l’annoso problema della carenza di docenti di Matematica e Matematica e Scienze volta a garantire il diritto allo studio degli studenti e consente a coloro i quali, all’entrata in vigore del presente decreto, siano in possesso dei titoli di studio validi per l’accesso alle classi di concorso in argomento, ai sensi del d.P.R. n. 19/2016, come modificato dal decreto del MIUR n. 259/2017, di poter comunque partecipare alle procedure concorsuali, ai percorsi abilitanti, ai percorsi di specializzazione sul sostegno, nonché alle graduatorie per il conferimento delle supplenze.

Sarà compito dell’Ateneo che ha conferito il diploma di laurea rilasciare, a chi ne fa richiesta, un certificato che attesti a quale singola classe di laurea magistrale è equiparato il titolo di studio posseduto.

Il CSPI riafferma l’opportunità di garantire sempre la congruità e l’equilibrio dei CFU dei rispettivi Settori Scientifici Disciplinari (SSD) ai contenuti richiesti da ogni classe di concorso.

Il CSPI ritiene necessario un investimento strutturale per la costruzione di un solido profilo culturale e professionale del docente finalizzato al miglioramento del sistema scolastico.

Il CSPI esprime parere favorevole sullo schema di Decreto in oggetto, richiamando l’attenzione sulle osservazioni proposte.

 

Scadenze di: dicembre 2022