Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > RICERCA: INAPP - Le OO.SS. incontrano il Presidente dell'Istituto

RICERCA: INAPP - Le OO.SS. incontrano il Presidente dell'Istituto

Argomenti trattati: Enti Pubblici di Ricerca, Ricerca,
Lo Snals-Confsal rileva una migliore qualità delle relazioni sindacali e un clima dialettico e costruttivo, certamente utile al buon funzionamento dell'istituto e al benessere del personale.

Proseguono gli incontri all’Inapp nel segno di una rinnovata stagione delle relazioni sindacali. Il 3 giugno le OO.SS. hanno incontrato in modalità telematica il Presidente dell’Istituto, prof. Sebastiano Fadda.

Il confronto, sollecitato dalle OO.SS., ha utilmente chiarito l’indirizzo politico e organizzativo che i nuovi vertici dell’Istituto intendono dare all’ente di ricerca.

Il Presidente Fadda ha descritto la missione dell’INAPP finalizzata alla costituzione di una base di dati conoscitivi, atta a contribuire all’avanzamento della riflessione sui modelli analitici sulle questioni inerenti il mercato del lavoro, nonché una base di contributi a disposizione di decisori politici, amministrazioni pubbliche, o di supporto al Ministero del Lavoro e al terzo settore. Entro questo quadro ha, inoltre, individuato cinque indirizzi strategici e aree tematiche specifiche al loro interno:

  1. - Capitale umano e previsione del fabbisogno professionale, attività per riduzione del mismatch tra domanda e offerta di lavoro;
  2. - Disuguaglianze (di reddito, di partecipazione, di conoscenza, di accesso alla sanità), coesione sociale, dispersione salariale (anche con attenzione al salario minimo);
  3. - Formazione professionale (finalizzata anche a sostenere le regioni, titolari dell’attività formativa);
  4. - Welfare (per esempio in relazione ai livelli di reddito o all’universalità; sistemi pensionistici);
  5. - Dinamica strutturale: analisi della produttività e dell’organizzazione del lavoro sollecitata dall’evoluzione tecnologica. Modifica strutture produttive legata alla quarta rivoluzione industriale. Politiche attive del lavoro connesse a politiche di sviluppo.

Oltre a questi indirizzi, il Presidente ha sottolineato l’importanza della terza missione che si esplicherà anche attraverso la redazione di un Rapporto periodico che offra un quadro interpretativi delle dinamiche del mercato del lavoro, sottoponendo alla discussione pubblica i principali problemi.

Poiché le OO.SS. hanno manifestato l’urgenza di avviare repentinamente un processo di valorizzazione delle professionalità presenti in Istituto, anche applicando le previsioni del D.Lgs. 218/2016, il presidente ha sostenuto con chiarezza l’importanza di un processo bottom-up in cui le risorse presenti nell’Inapp avanzino proposte e progetti. Ha rassicurato, poi , sul rapido avvio delle procedure di elezione del rappresentante dei ricercatori e tecnologi all’interno del CdA, come della costituzione del Comitato tecnico scientifico, attivandosi per l’elezione dei due componenti dei ricercatori e tecnologi e per la designazione dei tre componenti di spettanza del Ministero del Lavoro.

In conclusione, il Direttore Generale, dr. Santo Darko Grillo, ha riferito sulle modifiche del Piano triennale delle attività, che è stato oggetto di un incontro con le OO.SS. svoltosi lo scorso 25 maggio, e che è stato approvato nel CdA del 29 maggio. In quell’occasione, erano state messe in evidenza alcune mancanze nel Piano di fabbisogno del personale, anche in considerazione della presenza di numerose unità di personale senza sviluppo di carriera da due decenni. La soluzione suggerita da parte delle OO.SS., volta a prendere in considerazione tutti gli istituti contrattuali a disposizione, è stata accolta. Pertanto, è stato quantificato in 30 unità il personale che potrà accedere alle progressioni art.53; è stata inserita la previsione di progressioni di livello per il personale tecnico-amministrativo (art.54); è stata inserita la possibilità di usufruire delle riserve per il personale interno ai sensi dell’art.22 co.15 del D.Lgs. 75/17; raddoppiata la previsione sull’art.15 per le progressioni di livello dei ricercatori e tecnologi.

Nel complesso, lo Snals-Confsal rileva una migliore qualità delle relazioni sindacali e un clima dialettico e costruttivo, certamente utile al buon funzionamento dell’istituto e al benessere del personale.  

Scadenze di: luglio 2020