Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > RICERCA: Prosieguo dell'Audizione del Ministro Manfredi alla VII Commissione della Camera

RICERCA: Prosieguo dell'Audizione del Ministro Manfredi alla VII Commissione della Camera

Il ministro ha assicurato l'impegno a provvedere rapidamente alla ripartizione del FOE (Fondo ordinario d'ente) per gli enti vigilati e che è sua intenzione adoperarsi per un'azione di compensazione dei tagli dei finanziamenti occorsi ripetutamente negli anni passati.

Il 22 aprile è proseguita l’audizione informale del Ministro Manfredi presso la VII Commissione parlamentare Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei deputati, iniziata il 9 aprile scorso (resoconto nel notiziario del 10 aprile).

La nuova convocazione si è resa necessaria per permettere al ministro di rispondere alle numerose domande poste dai deputati nel precedente incontro, rimaste inevase per le modalità organizzative adottate nella seduta del 9 aprile.

Come già scritto nel precedente resoconto, il ministro Manfredi ha scelto di soffermarsi soprattutto sulle necessità di università e afam in questo difficile frangente epidemico, illustrando le iniziative messe in campo dal MUR per contenere gli effetti dell’emergenza Covid-19, ed ha accennato appena agli enti pubblici di ricerca. 

Nella replica alle domande e alle osservazioni dei deputati, Manfredi ha nuovamente indicato come priorità le misure a tutela del diritto allo studio, ribadendo l’impegno del suo dicastero per garantire l’accesso universitario agli studenti con minori possibilità economiche: è intenzione del ministero incrementare i contributi alle università per interventi sulla no tax area, prevedendo anche la riduzione delle tasse universitarie.

Appare chiaro, come già emerso nell’audizione del 9 aprile, che il Fondo appositamente istituito nel Decreto CuraItalia per università, enti di ricerca e afam verrà impiegato soprattutto per il diritto allo studio.

Per quanto riguarda gli enti pubblici di ricerca il ministro ha assicurato l’impegno a provvedere rapidamente alla ripartizione del FOE (Fondo ordinario d’ente) per gli enti vigilati e che è sua intenzione adoperarsi per un’azione di compensazione dei tagli dei finanziamenti occorsi ripetutamente negli anni passati.

Lo Snals-Confsal vigilerà affinché sia dato corso a questi impegni con celerità e con misure proporzionate alle necessità degli enti.

In conclusione del suo intervento, il ministro ha rappresentato le linee di indirizzo da assumere per la cosiddetta “fase 2”: 

- sicurezza del personale e degli studenti. Per questo il MUR ha richiesto disposizioni specifiche al Ministero della salute e al Comitato tecnico-scientifico per il distanziamento sociale;

- regolare svolgimento delle attività di ricerca. Lo scopo è quello di evitare danni alla carriera; in particolare nel caso di partecipazione a progetti internazionali deve essere assicurata la possibilità di tenere il passo;

- specificità territoriali. Le azioni del MUR saranno guidate anche dalla considerazione delle diversità geografiche nelle quali operano le diverse istituzioni.

Il ministro Manfredi ha chiuso la sua replica affermando che l’emergenza Covid-19 ha manifestato la necessità di eliminare alcune barriere negli ambiti di sua competenza, operando per:

- superare la rigidità della distinzione dei settori disciplinari nelle università;

- ricorrere all’open science per favorire la diffusione dei risultati e della ricerca scientifica a livello internazionale;

- semplificare l’azione amministrativa nella straordinarietà ma anche nell’ordinarietà.

Riguardo a quest’ultimo punto, il ministro ha preannunciato un pacchetto di misure da inserire in un prossimo provvedimento legislativo.

Lo Snals-Confsal ribadisce l’impressione che in questa fase l’azione del ministro sia concentrata comprensibilmente sulle numerose esigenze dell’università e dell’afam legate alla didattica e al diritto allo studio. Tuttavia è indispensabile non dimenticare le difficoltà che nella fase emergenziale stanno attraversando anche le istituzioni di ricerca. Nella progettazione del riavvio della fase 2 devono assolutamente trovare spazio anche le necessità degli enti di ricerca.

Il video integrale dell’audizione del ministro Manfredi è ritracciabile al seguente link:

https://webtv.camera.it/commissioni

Scadenze di: giugno 2020