Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Coronavirus, il Governo dimentica il personale Ata: Serafini (Snals): Dipendenti della scuola a rischio. Intervista

Coronavirus, il Governo dimentica il personale Ata: Serafini (Snals): Dipendenti della scuola a rischio. Intervista

Aule vuote, lezioni sospese, alunni e docenti a fare didattica a distanza. La campanella però nelle scuole italiane suona ancora, ma solo per il personale Ata (amministrativo, tecnico ed ausiliario). C'è una condizione di grandissima criticità, attualmente. E il Governo, con il suo decreto che non ha chiuso le scuole, l'ha acuita.

Coronavirus, il Governo dimentica il personale Ata. Serafini (Snals): «Dipendenti della scuola a rischio»

Da Giustizia news 24 - Bianca Bianco - 17 marzo 2020

Aule vuote, lezioni sospese, alunni e docenti a fare didattica a distanza. La campanella però nelle scuole italiane suona ancora, ma solo per il personale Ata (amministrativo, tecnico ed ausiliario). Parliamo degli assistenti amministrativi e tecnici e dei collaboratori scolastici che, mentre il Governo decide la sospensione delle attività didattiche per l’emergenza Coronavirus, continuano a lavorare. E spesso lo fanno prendendo treni ed autobus  ed affrontando trasferte anche lunghe, quindi con un serio rischio di essere contagiati dal Covid-19.

 Una contraddizione, lamentano gli stessi lavoratori sostenuti dai rispettivi sindacati, acuita dal decreto ‘Cura Italia’ varato ieri dal Governo che non prevede alcuna misura specifica per questa categoria. Ci si aspettava la chiusura della scuola che non è arrivata. Non nasconde il disappunto per il decreto ‘Cura Italia’ e quel vuoto che riguarda proprio il personale scolastico la segretaria generale della Snals Scuola Elvira Serafini: «Dopo molti incontri e sollecitazioni al Governo – dice – attendevamo con ansia queste misure. E invece, nulla cambia: le scuole non sono state chiuse e il personale, esponendosi a gravi rischi, continua a lavorare».

Segretario Serafini, qual è ad oggi la situazione del personale Ata che appare quale l’ultimo ‘avamposto’ della scuola?
«C’è una condizione di grandissima criticità, attualmente. E il Governo, con il suo decreto che non ha chiuso le scuole, l’ha acuita. Noi avevamo chiesto a gran voce la chiusura, pur essendo consapevoli dell’esistenza di un contratto che per il personale Ata non prevede una chiusura totale. Ma vista l’estrema criticità che si sta vivendo l’abbiamo sollecitata soprattutto per i collaboratori scolastici».

Definite quest’ultima una categoria ‘a rischio’
«Certo, perché spesso si tratta di pendolari che si spostano per chilometri per raggiungere il luogo di lavoro e lo fanno prendendo mezzi pubblici e dunque esponendosi ad un concreto rischio di contagio. Si parla tanto di tutela della salute e non si pensa alla grande responsabilità che ci si assume facendo andare a scuola queste persone. Speravamo si concordassero strategie per bypassare contratti e leggi e invece…».

E invece tutti a scuola. I dirigenti scolastici non possono porre rimedio a questa situazione?
«Guardi, questa è un’emergenza non prevista e una situazione assolutamente peculiare e non inquadrabile. Il rimedio si deve porre eccome; il Ministero ha optato per le turnazioni, cercando di facilitarle attraverso il personale che non viaggia. Ma questo non si realizza sempre, perché i dirigenti scolastici non vogliono assumersi la responsabilità di lasciare i lavoratori a casa e quindi ecco che le turnazioni riguardano anche i pendolari. E così tutto resta immutato: si continua a parlare di picchi e di contagi eppure, di fronte a casi così evidenti di rischio, non si prendono provvedimenti».

La categoria vive un momento di forte preoccupazione…
«Certo. Questa è una vicenda anomala, in cui il decreto avrebbe potuto aiutare a superare una enorme difficoltà. Questo non è accaduto e ci assume così la responsabilità di far viaggiare questi lavoratori. E se qualcuno si ammala?».

Scadenze di: novembre 2020