Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > L' I.I.S. Einstein-Nebbia di Loreto incontra al Quirinale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

L' I.I.S. Einstein-Nebbia di Loreto incontra al Quirinale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Argomenti trattati: Sostegno, Incontro, progetti, I.S.S.,
Il Segretario Regionale Snals Confsal delle Marche Paola Martano, docente di sostegno in servizio presso L'I.I.S. "EINSTEIN - NEBBIA" di Loreto, il 14 maggio nell'ambito del progetto SIAMO TUTTI DIVERSAMENTE UGUALI di cui è l'ideatrice e referente, ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con 28 Ragazzi straordinari, le eccellenze della scuola.

Il 14 Maggio, in occasione di una visita al Palazzo del Quirinale, gli alunni dell’Istituto “Einstein- Nebbia” di Loreto hanno avuto l’onore di essere ricevuti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

28 ragazzi straordinari, le eccellenze della scuola, accompagnati dal dirigente scolastico Gabriele Torquati , dalla referente del progetto prof.ssa Paola Martano Segretario Regionale dello Snals Confsal, nonchè docente di sostegno in servizio, e da alcuni insegnanti di sostegno e curricolari, da una delegazione del personale Ata, hanno consegnato al Presidente alcuni piccoli e simbolici doni .

I “biscotti del Presidente” preparati dai ragazzi, utilizzando ingredienti che richiamano le origini del Presidente della Repubblica, in particolare mandorle e pistacchi, accompagnati da una deliziosa pasta frolla.

Per non dimenticare la nostra terra ferita dal terremoto, un vino passito D.O.C. dei colli maceratesi.

Una copia del PTOF (piano dell’offerta formativa) per rappresentare l’intera comunità scolastica.

Una lettera scritta da Luigi , uno dei ragazzi “speciali”, in cui si chiede al Presidente, quale massima autorità dello Stato, un concreto aiuto per “superare le differenze”.

Lettera al presidente:

I.I.S. “Einstein –Nebbia”
Loreto, 14 maggio 2019

 

Caro Presidente Mattarella,

                                                 oggi siamo venuti al Quirinale, sperando di incontrarti.

Ci piacerebbe dirti tante cose, quella più importante per noi ragazzi è una.

Ogni essere umano, ha una caratteristica tutta sua, che lo fa sentire lontano dalla media, cioè dalla normalità.

Non c’è nessuno che possiede tutte le caratteristiche che lo fanno sentire normale. Le differenze fanno parte dell’essere umano quindi, forse l’idea di pluralità di essere, di agire, di “funzionare", di pensare, è la più grande ricchezza.

Non dobbiamo permettere ai limiti che ci caratterizzano, di cancellare il valore della persona nella sua essenziale umanità.

Io spero che tu possa aiutarci a far capire a tutti che, negando le differenze, si nega la complessità di ogni essere umano.

E’ questo che facciamo nella nostra scuola, siamo TUTTI DIVERSAMENTE UGUALI.

Ti abbracciamo

Luigi

Scadenze di: luglio 2019