Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Maggiorazione spese abitazione del personale della scuola all'estero - Incontro MAECI

Maggiorazione spese abitazione del personale della scuola all'estero - Incontro MAECI

A seguito delle varie segnalazioni pervenute al MAECI in merito ai numerosi ritardi riguardanti le maggiorazioni per le spese di abitazione del personale presso le scuole italiane all'estero, si è svolto, il 13 luglio scorso, un incontro tra le OO.SS. ed il Cons. Roberto Nocella

A seguito delle varie email e lamentele pervenute al MAECI in merito ai numerosi ritardi riguardanti le maggiorazioni per le spese di abitazione del personale presso le scuole italiane all’estero, si è svolto, il 13 luglio scorso, un incontro tra le OO.SS. ed il Cons. Roberto Nocella.

All'inizio dei lavori, il Capo Ufficio ha informato i presenti che in fase di rendicontazione delle spese sostenute dal personale della scuola per l'abitazione presso le sedi estere, allo scadere del 12 aprile 2018 (comunicato con i messaggi del 29/3 e del 12/4), sono risultate non completate per circa 250 posizioni le procedure necessarie al conguaglio dei primi due semestri di maggiorazione anticipati.

Nello stesso tempo, a seguito dell’introduzione del D.Lgs. 64/2017, entrato in vigore il 1° settembre, al succitato personale sono state erogate due rate semestrali anticipate per l'importo massimo erogabile in ciascuna sede.

Conseguentemente, l’Amministrazione con messaggio n. 057191 del 29/3/2018 indicava che il sistema di calcolo per la maggiorazione di abitazione, in mancanza del dato relativo all'importo del canone, non avendo riscontro dell’esistenza e dell’entità delle spese di abitazione, avrebbe automaticamente calcolato il recupero delle somme già erogate. Attraverso tale procedura, per le circa 250 posizioni non regolarizzate, il sistema ha contabilizzato un debito da parte del personale scolastico verso il MAECI, con una decurtazione di un terzo dell'assegno personale sino alla regolare estinzione della cifra mancante.

Secondo l’Amministrazione, la regolarizzazione potrà essere effettuata a partire dalla mensilità di novembre p.v., fermo restando ulteriori comunicazioni nei casi in cui vengano anticipate le operazioni di conguaglio al bimestre settembre-ottobre.

Il personale che non abbia ancora provveduto ad inviare la documentazione di rito, dovrà al più presto regolarizzarla entro il 27 luglio, mentre le sedi dovranno segnalare il personale scolastico che ha inoltrato la documentazione relativa alle spese sostenute oltre il 19 aprile, termine fissato.

Terminata tale comunicazione, le OO.SS. presenti hanno al MAECI evidenziato la mancanza di informativa sindacale che da vario tempo è stata assente producendo un vuoto di poca chiarezza su questa problematica.

Lo SNALS-Confsal ha evidenziato che la procedura presenta diverse criticità sia al livello informatico che comunicativo, soprattutto per quanto attiene all’inserimento della documentazione. Ha chiesto, pertanto, di voler considerare corrette le richieste presentate o in fase di inoltro e di prevedere che le ulteriori documentazioni possano essere inviate in un secondo tempo.

Inoltre, il nostro sindacato ha chiarito che si deve per prima cosa verificare le ragioni sia tecniche che procedurali che hanno determinato questo rallentamento, accelerare e concludere al più presto questa situazione cercando gli strumenti idonei per evitare il ripetersi in futuro di tale incresciosa vicenda.

Successivamente i sindacati hanno chiesto notizie sulle ore eccedenti, sul pagamento dei vicari e sull’uscita del contingente che quest’anno con molto ritardo ancora non è stato pubblicato, provocando le relative problematiche e ripercussioni riguardanti il personale della scuola.

 

Trascriviamo, di seguito, il testo del messaggio n. 126035 del 16/7/2018 che il MAECI ha inviato alle sedi estere:

 

1. In fase di rendicontazione delle spese sostenute per l’abitazione dal personale della Scuola all’estero, allo scadere del termine del 12 aprile 2018, comunicato da questo Ufficio con Messaggio n. 057191 del 29 marzo 2018 e successivamente prorogato al 19 aprile 2018 con Messaggio 064991 del 12 aprile 2018, sono risultate non completate per circa 250 posizioni le procedure necessarie al conguaglio dei primi due semestri di maggiorazione anticipati. 

2. Come noto, l’erogazione di una maggiorazione per le spese di abitazione sull’assegno di Sede per il personale della scuola all’estero rappresenta una novità introdotta dal Decreto Legislativo 64/2017, che è entrata in vigore lo scorso 1° settembre. In base all’articolo 178 del D.P.R. 18/1967, a cui il D. Lgs. 64/2017 rimanda, al suddetto personale sono state erogate due rate semestrali anticipate per l’importo massimo erogabile in ciascuna Sede.

3. Si attira l’attenzione di codeste Sedi su quanto comunicato da questo Ufficio con Messaggio n. 057191 del 29 marzo 2018, ove veniva indicato come “il sistema di calcolo per la Maggiorazione abitazione, in mancanza del dato relativo all’importo del canone […], non avendo un riscontro dell’esistenza e dell’entità delle spese di abitazione” avrebbe provveduto automaticamente a calcolare il recupero di tutte le somme relative alla maggiorazione già erogate. Per le circa 250 posizioni non regolarizzate nei termini previsti, il sistema ha pertanto proceduto a contabilizzare un debito nei confronti dell’Amministrazione da parte del personale, con contestuale decurtazione di un terzo dell’assegno personale sino all’estinzione dello stesso.

4. La regolarizzazione in base agli effettivi oneri di affitto potrà avvenire a partire dalla mensilità di novembre p.v. (si fa riserva di eventuali, diverse comunicazioni qualora sia possibile anticipare le operazioni di conguaglio al bimestre settembre-ottobre).

5. Alla luce della situazione appena descritta, appare urgente e prioritaria una sollecita regolarizzazione da parte di codeste Sedi delle posizioni ad oggi ancora scoperte, se del caso anche sensibilizzando il personale che non abbia ancora trasmesso la documentazione necessaria alla necessità di un urgente adempimento. In ogni caso, TALE REGOLARIZZAZIONE DOVRA' ESSERE NECESSARIAMENTE PORTATA A COMPIMENTO ENTRO IL 27 LUGLIO.

6. Inoltre, e al fine di stabilire un equo ordine di priorità, si vorrà cortesemente segnalare il personale della Scuola che ha presentato la documentazione giustificativa delle spese sostenute oltre il termine indicato del 19 aprile.

 

 

 

 

Scadenze di: maggio 2019