Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Scuola: Snals, avviati scambi culturali con istituti Mosca in ambito Progetto Russia avviato da città di Taranto

Scuola: Snals, avviati scambi culturali con istituti Mosca in ambito Progetto Russia avviato da città di Taranto

ANSA 29 GEN - Oggi, al Ministero degli affari esteri, lo Snals-Confsal ha incontrato una delegazione delle scuole di Mosca. L'incontro, promosso dal segretario generale del sindacato autonomo, Elvira Serafini, ha sancito una lunga collaborazione tra le scuole della città di Taranto, che nel 2001 ha dato vita al Progetto Russia e quelle della capitale moscovita

    29-01-2018

Scuola: Snals, avviati scambi culturali con istituti Mosca in ambito Progetto Russia avviato da città di Taranto

            (ANSA) - ROMA, 29 GEN - Oggi, al Ministero degli affari esteri, lo Snals-Confsal ha incontrato una delegazione delle scuole di Mosca. L'incontro, promosso dal segretario generale del sindacato autonomo, Elvira Serafini, ha sancito una lunga collaborazione tra le scuole della città di Taranto e quelle della capitale moscovita, che nel 2001 ha dato vita al Progetto Russia.

   Un progetto che ha come finalità quella di realizzare incontri tra insegnanti, creare iniziative di formazione congiunta, promuovere lo studio reciproco di italiano e russo, organizzare scambi di docenti e soggiorni di studenti. Negli anni, decine di studenti delle scuole di Taranto hanno conseguito la certificazione in lingua russa, con esami in sede tenuti da docenti delle università di Mosca e di San Pietroburgo.

    L'evento di oggi ha decretato il successo di questo scambio interculturale e la sua alta qualità formativa, ma non solo. Ha indicato chiaramente un ampliamento di prospettiva da parte del sindacato Snals che sempre più punterà, come ha dichiarato Serafini, sugli scambi interculturali e sulla promozione della lingua italiana: "Mentre si palesa in modo chiaro il disinteresse dei partiti per la nostra scuola, sempre più costretta, di riforma in riforma, in una visione asfittica e burocratica, ci è parso opportuno indicare un cambio di rotta, un'apertura ad altri paesi, ad altre esperienze e ad altre culture". (ANSA).

 

Scadenze di: maggio 2019