Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Ipotesi di CCNI per le scuole in aree a rischio a.s. 2015/2016

Ipotesi di CCNI per le scuole in aree a rischio a.s. 2015/2016

Argomenti trattati: ipotesi di contratto, aree a rischio,
Emanata nota MIUR

Soltanto oggi, 14 marzo 2016, ci è pervenuta dal MIUR la nota 1598 del 26/02/2016, avente per oggetto: ”Ipotesi Contratto Collettivo Integrativo Nazionale sui criteri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica per l’anno scolastico 2015/2016  - Esercizio Finanziario 2015”.

In tale nota il Ministero ricorda che, in data 18/02/2016, è stata sottoscritta l’Ipotesi di CCNI, (allegata alla nota), per stabilire criteri e parametri per attribuire le risorse riguardanti i progetti relativi alle aree a rischio, a forte processo immigratorio e per contrastare dispersione scolastica ed emarginazione sociale (previste dall’art. 9 del CCNL 2006/2009), per l’a.s. 2015/2016.

In tale Ipotesi di CCNI le parti hanno confermato, unanimemente, l’attualità dei parametri già utilizzati negli aa.ss. precedenti, per pervenire ad una rapida ripartizione delle risorse finanziarie a livello regionale.

La somma nazionale complessiva è pari ad € 18.458.933,00 lordo stato, suddivisa tra le regioni in base alla tabella A allegata al CCNI, realizzando un riparto regionale identico a quello del precedente a.s.. La nota MIUR invita gli USR ad avviare la contrattazione integrativa regionale con le OO.SS., ma sottolinea che la sottoscrizione dei contratti regionali avverrà soltanto dopo il perfezionamento del CCNI, con la sottoscrizione definitiva dello stesso.

La nota comunica, altresì, che è stato attivato un portale raggiungibile all’indirizzo www.areearischio.it , sia per pianificare le future assegnazioni di risorse alle scuole, sia per semplificare la raccolta delle progettazioni da parte delle commissioni regionali, che chiederanno alle scuole interessate di collegarsi al portale, inserendo i progetti. Successivamente le commissioni regionali approveranno, con apposita funzione, i progetti destinatari dei finanziamenti, indicando, per ognuno degli stessi, l’importo corrispondente.

Come già nei precedenti aa.ss. la realizzazione dei progetti avverrà nell’a.s. in corso e le risorse verranno assegnate, al termine del progetto, dalla Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie, direttamente sui POS delle istituzioni scolastiche, con importi al lordo dipendente.

Scadenze di: gennaio 2019