Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Periodo di formazione e prova: accolte solo in parte le richieste dello SNALS-Confsal

Periodo di formazione e prova: accolte solo in parte le richieste dello SNALS-Confsal

Il Miur ha emanato la nota 36167, con data 5 novembre, sul periodo di formazione e di prova per i docenti neo assunti.

Il MIUR ha emanato la nota 36167, datata 5 novembre, relativa al periodo di formazione e di prova per i docenti neo assunti che accoglie solo in parte le richieste avanzate dallo SNALS-Confsal. Sono stati risolti alcuni aspetti problematici, ma restano, in particolare, due aspetti irrisolti o, comunque, con soluzioni non condivisibili:

• uno riguarda la situazione dei docenti che fruiscono per l’a.s. 2015/16 di mobilità professionale (passaggio di ruolo) che, secondo la soluzione adottata, devono espletare tutti gli obblighi connessi al superamento dell'anno di formazione e prova come i neo-assunti. Questa norma  non ha alcun supporto normativo e danneggia docenti che, quando hanno presentato domanda ed ottenuto il passaggio, lo hanno fatto conoscendo le regole vigenti che hanno sempre distinto la loro posizione da quella dei neo immessi in ruolo;

• l’altro è relativo alla definizione di “materie affini”, che viene limitata solo ad insegnamenti dello stesso ordine e grado di scuola, arrivando ad escludere la possibilità di effettuare il periodo di formazione e prova in questo anno scolastico, anche nel caso di servizio prestato nello stesso “ambito disciplinare” comprendente insegnamenti della scuola secondaria sia di primo che  di secondo grado. Questa interpretazione, peraltro innovativa e senza alcun supporto normativo, è particolarmente grave e penalizzante in questo anno scolastico in cui molti docenti, per i ben noti motivi, stanno prestando servizio con nomina  ITD su un insegnamento e solo successivamente hanno fruito di nomina ITI tardiva per altra classe di concorso.

Il sindacato continuerà a cercare di modificare questi aspetti penalizzanti per gli interessati e non corretti, in quanto non supportati da norme che li giustifichino.

Il sindacato continuerà a cercare di modificare questi aspetti penalizzanti per gli interessati e non corretti in quanto non supportati da norme che li giustifichino.

Scadenze di: gennaio 2021