Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Dirigenti scolastici e docenti: comandi per compiti connessi autonomia scolastica anno 2015/16 - Emanata C.M. - Incontro al Miur - Le domande entro il 16 luglio 2015, ore 23:59

Dirigenti scolastici e docenti: comandi per compiti connessi autonomia scolastica anno 2015/16 - Emanata C.M. - Incontro al Miur - Le domande entro il 16 luglio 2015, ore 23:59

Vi comunichiamo che, nel pomeriggio di oggi, 9 luglio 2015, si è tenuto al MIUR un incontro

Dirigenti scolastici e docenti: comandi per compiti connessi autonomia scolastica anno 2015/16 – Emanata C.M. - Incontro al Miur – Le domande entro il 16 luglio 2015, ore 23:59

Vi comunichiamo che, nel pomeriggio di oggi, 9 luglio 2015, si è tenuto al MIUR un incontro per discutere il seguente o.d.g.: “Legge 23/12/98 n. 448, art. 26, comma 8 e successive modifiche e integrazioni. Assegnazione di dirigenti scolastici e di docenti per lo svolgimento di compiti connessi con l’attuazione dell’autonomia scolastica per l’anno 2015/16”.

La Delegazione di Parte Pubblica, presieduta dalla Dott.ssa Maddalena Novelli, Direttore Generale del personale della scuola, ha sinteticamente illustrato alcuni aspetti salienti della C.M. n. 14 prot. 18600 del 3/7/2015, avente per oggetto:” Legge 23 dicembre 1998, 448- articolo 26, comma 8 e successive modifiche e integrazioni. Assegnazione di dirigenti scolastici e di docenti per lo svolgimento di compiti connessi con l'attuazione dell'autonomia scolastica. Anno scolastico 2015/2016”, evidenziando, tra l’altro, che il contingente numerico di 150 posti, previsto dalla C.M., ai sensi del DDL Buona Scuola (Atto n. 2994/B), appena approvato in via definitiva alla camera, viene definito, per tale anno scolastico, in un numero complessivo di 300 posti.

L’Amministrazione ha, inoltre, consegnato alle OO.SS. copia dei decreti dipartimentali n. 68, (di ripartizione dei posti previsti per l’Amministrazione scolastica centrale tra i dipartimenti) e n. 69 e n. 70, (di suddivisione del contingente dei dipartimenti tra le Direzioni Generali afferenti agli stessi).

 

C.M. N. 14

Rinviandovi ad una attenta lettura della C.M., ve ne evidenziamo alcuni aspetti.

 

PREMESSA

Si chiarisce che la legge 23.12.2014 n. 190 (legge di stabilità 2015), ha confermato la possibilità di disporre collocamenti fuori ruolo di personale appartenente al comparto scuola per compiti connessi con l'attuazione della autonomia scolastica. Tale contingente, in applicazione della L. 228/12 è stato fissato in 150 unità. La C.M. precisa, tuttavia, che il DDL della Buona scuola, nella sua formulazione al termine dei lavori del Senato della Repubblica, (in data 25/6/2015), prevede, tra l’altro, che per l’a.s. 2015/16, in deroga al limite numerico previsto dalla L. 23/12/98 n. 448 e successive modificazioni, è confermato in un numero di 300 posti di docenti e dirigenti scolastici assegnati presso il MIUR.

Al momento dell’entrata in vigore della legge sulla Buona Scuola, il numero dei posti messi a concorso con la C.M., (come previsti dall’All. 1 alla stessa), si intende automaticamente raddoppiato, per ciascun dipartimento, direzione generale o USR, con la sola accezione del posto riservato al docente di lingua slovena, che resterà 1, anche in presenza di raddoppio del contingente.

Per l’eventuale copertura di tali ulteriori posti si attingerà, per scorrimento, dalle graduatorie derivanti dalla procedura indetta con la C.M. n. 14. La durata massima del collocamento fuori ruolo, disposto ai sensi della stessa, è di 1 anno scolastico, salvo possibile revoca dell’incarico, da parte dell’Amministrazione per motivate ragioni.

La C.M. individua, in via esemplificativa, alcune aree, in base alle esigenze dei singoli uffici, quali:

-     sostegno e supporto alla ricerca educativa e alla didattica, in relazione alla attuazione dell'autonomia;

-     sostegno e supporto per l'attuazione dell'autonomia nel territorio, ai processi organizzativi e valutativi dell'autonomia scolastica;

-     sostegno alla persona e alla partecipazione studentesca;

-     raccordi interistituzionali;

-     gestione e organizzazione.

Inoltre, per ciascuna di tali aree, la C.M. fornisce indicazioni di specifiche finalità e compiti.

 

CONTINGENTE DEI POSTI ASSEGNATI ALL'AMMINISTRAZIONE SCOLASTICA CENTRALE E PERIFERICA

Il numero complessivo di dirigenti scolastici e di docenti è fissato in 150 unità, da suddividersi tra Amministrazione centrale e UU.SS.RR., in base al piano di riparto contenuto nell’All. 1 alla C.M..

La C.M. precisa che il bando, sia presso le Direzioni Generali dell’amministrazione centrale che gli UU.SS.RR., riguarda tutto il personale che voglia ottenere un comando, indipendentemente dalla scadenza del comando attualmente in atto.

Il Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali, suddivide il contingente dell'Amministrazione centrale tra i due dipartimenti del Ministero per l’assegnazione agli uffici di livello dirigenziale e generale compresi nei due dipartimenti.

I Direttori Generali degli UU.SS.RR. destineranno i dirigenti scolastici e i docenti alle rispettive strutture, in base alle esigenze del territorio.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La C.M. precisa che i Dipartimenti, le Direzioni Generali e gli UU.SS.RR:, in base al riparto del contingente assegnato, daranno informativa alle OO.SS. del comparto scuola e dell'area V della dirigenza scolastica aventi titolo alla contrattazione decentrata, dei posti disponibili, dei criteri di selezione del personale, nonché della durata dell'assegnazione.

Ogni Ufficio è tenuto a pubblicare entro il giorno 9 luglio 2015, l’avviso della procedura di selezione.

Le domande del personale che chieda assegnazione, con decorrenza dall'a. s. 2015/2016, vanno inviate all'Ufficio centrale o regionale richiesto, entro e non oltre il 16 luglio 2015, ore 23:59; unitamente alle stesse, gli interessati trasmetteranno il curriculum personale, con specifiche indicazioni dei titoli culturali, scientifici e professionali posseduti e l'eventuale conoscenza di lingue straniere.

Può essere formulata domanda ad un solo ufficio dell'Amministrazione centrale o regionale, con precisa indicazione dello stesso. L'interessato dovrà, inoltre, dichiarare, sotto la propria responsabilità, in calce alla domanda, di non aver prodotto analoga domanda presso altro ufficio centrale o regionale e di aver, altresì, superato il periodo di prova.

 

VALUTAZIONE DEGLI ASPIRANTI

La C.M. chiarisce che il personale assegnato allo svolgimento di compiti di supporto all'autonomia deve possedere specifici requisiti, che connotano il proprio profilo professionale; indica, inoltre, in via esemplificativa tali requisiti e la tipologia dei titoli ripartiti in tre aree: titoli culturali, titoli scientifici e titoli professionali, precisando i titoli che possono essere presi in considerazione.

L’esame dei candidati è effettuato da una specifica commissione, costituita presso ciascun ufficio, che, in base ai titoli valutabili presentati e ad un colloquio per l’accertamento delle capacità relazionali del candidato e delle competenze coerenti con le problematiche delle aree, predispone una graduatoria di merito, che individua e gradua i candidati in possesso della specifica qualificazione; la graduatoria verrà affissa all’albo dell’ufficio e pubblicata sul sito istituzionale.

 

COLLOCAMENTO FUORI RUOLO

La C.M. precisa, tra l’altro, che il personale da collocare fuori ruolo deve aver superato il periodo di prova e chiarisce che il servizio prestato in posizione di collocamento fuori ruolo è valido come servizio di istituto per il conseguimento di tutte le posizioni di stato giuridico ed economico, nelle quali sia richiesta la prestazione del servizio medesimo.

Nel caso il collocamento fuori ruolo del personale docente abbia durata non superiore a un quinquennio, (a partire dall'anno scolastico 2001/2002), tale personale, al termine del collocamento fuori ruolo, è assegnato alla stessa sede di titolarità che aveva all'atto del provvedimento.

Ai dirigenti scolastici si applicano le disposizioni dei vigenti contratti collettivi dell'area V della Dirigenza scolastica.

In caso di collocamenti fuori ruolo o comandi di durata superiore a un quinquennio, si determina la perdita della sede di titolarità; ai fini del raggiungimento di un quinquennio, si sommano anche periodi di posizioni fuori ruolo o comando, se tra gli stessi non vi sia soluzione di continuità.

 

DISPOSIZIONI FINALI

LA C.M. prevede che gli uffici invieranno, via e-mail, alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, relazione sull'attività svolta dal personale assegnato.

Scadenze di: gennaio 2022