Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > 01-12-2014 N. 17849 - Nota MIUR

01-12-2014 N. 17849 - Nota MIUR

Argomenti trattati: nota ministeriale, CLIL, corsi,
Organizzazione e avvio dei corsi metodologico-didattici CLIL di cui al DM 35112014

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Direzione Generale per il Personale scolastico

 

Prot. n. 0017849 - 01/12/2014- USCITA

 

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDJ

e. p.c.,

Al Capo Dipartimento

per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Al Direttore Generale per le risorse umane e finanziarie

SEDE

 

 

OGGETTO: Organizzazione e avvio dei corsi metodologico-didattici CLIL di cui al DM 35112014.

 

Con riferimento al DM 35112014 relativo ai corsi metodologico-didattici per l'insegnamento di discipline non linguistiche in lingua straniera con metodologia CLIL, si comunicano le azioni da porre in essere da parte degli Uffici Scolastici Regionali per attivare e realizzare i corsi.

Detti corsi si caratterizzano come "Corsi di perfezionamento di 20 crediti CHJ" da realizzarsi presso strutture universitarie (cfr. Decreto Direttoriale del Personale Scolastico n. 6 del 16 aprile 2012).

Le indicazioni di seguito riportare sono fomite per uniformare le procedure e consentire l'attivazione dei corsi previsti dal D.M. 351/2014 e per i quali è stata determinata la ripartizione regionale delle risorse finanziarie e sono state fomite indicazioni organizzative con decreto AOODPIT prot. n. 956 del l dicembre 2014 che si trasmette con la presente circolare (Allegato 1).

I. I destinatari, criteri di individuazione

I corsi sono destinati prioritariamente ai docenti che nel corrente anno scolastico insegnano:

1. negli Istituti Tecnici una disciplina di indirizzo del V anno;

2. una disciplina non linguistica nel V anno dei Licei e nei Licei linguistici nel III, IV e V anno.

I Dirigenti scolastici degli Istituti Tecnici e dei Licei possono candidare ai corsi metodologici i docenti del proprio Istituto, indicati nei punti 1. e 2., che abbiano:

a) frequentato il percorso linguistico previsto dai decreti in oggetto e raggiunto una competenza linguistica pari o superiore al livello B2 del QCER attestata dal soggetto erogatore del corso;

b) acquisito una competenza linguistica pari o superiore allivello B2 del QCER certificata da un Ente riconosciuto dal Decreto Direttoriale Prot. n. AOODGAI/10899 del 12/07/2012 e successivi decreti della Direzione Generale per gli Affari Internazionali;

c) frequentato altri corsi organizzati da INDIRE o dalla Rete dei Licei Linguistici e raggiunto una competenza linguistica pari o superiore al livello B2 del QCER attestata dal soggetto erogatore del corso.

Le indicazioni sulle modalità per le candidature dei docenti ai corsi e le relative iscrizioni devono essere effettuate sul sito web wwvv.miurambientelingu~.it (Allegato 2). Tale piattaforma operativa da febbraio 2014 è già stata utilizzata per le attività relative allo svolgimento dei corsi linguistici di cui al Decreto Direttoriale n.89/2013.

II. Modalità organizzative

Per consentire alla Direzione generale per le risorse umane e finanziarie di impegnare i fondi di cui all'art.- 5 comma l lettera a) del D.M.351/2014, è necessario che gli Uffici Scolastici Regionali individuino e comunichino, entro e non oltre il 15 dicembre 2014, all'indirizzo di posta elettronica formazione.scuola@istruzione.it di questa Direzione Generale, le istituzioni scolastiche selezionate.

Le candidature delle Istituzioni scolastiche saranno valutate e selezionate da Commissioni nominate dai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali. La valutazione, come indicato nel D.M.351/2014, prevede un punteggio massimo di 100 punti nel rispetto dei seguenti criteri:

a) adeguatezza della proposta alle specifiche del progetto formativo (massimo 40 punti);

b) efficacia nella gestione di precedenti progetti formativi in favore di personale scolastico con particolare riferimento alla formazione linguistica e/o metodologica CLIL (massimo 30 punti);

c) qualità e fruibilità dei materiali che verranno prodotti nel corso delle iniziative formative dai corsisti, e che le istituzioni o reti si impegnano a divulgare nell'ambito del progetto (massimo 30 punti).

Le SS.LL., comprendendo la necessità di dare avvio ai corsi entro il mese di gennaio 2015 e nello spirito di collaborazione che non è mai venuto meno, sono pregate di:

·definire gli elenchi dei docenti ammessi ai corsi metodologico-didattici in base ai dati inseriti nella piattaforma www.miurambientelingue.it;

·coordinare l'offerta formativa delle Istituzioni scolastiche affidatarie dei finanziamenti, distribuendo i docenti nei corsi metodologici autorizzati ai sensi del D.M. 351/2014;

·individuare tempestivamente, tramite AVVISO PUBBLICO, a livello regionale, le università che erogheranno i corsi.

 

III. Soggetti erogatori dei corsi metodologico-didattici

Attesa la specificità della formazione metodologico-didattica che, ai sensi dell' art. 5 del citato Decreto DGPER n. 6 del 16/4/2012, può essere realizzata esclusivamente da strutture universitarie in possesso dei requisiti di cui all'art. 3, comma 3 del DM 30 settembre 2011, l'Ufficio Scolastico Regionale, avrà cura di nominare una commissione per l'individuazione delle Università del territorio a cui affidare i corsi.

Le Università affidatarie dei corsi possono essere scelte tra quelle:

· selezionate da INDIRE, con bando nazionale n. 211 del 26 giugno 2012, per lo svolgimento dei corsi metodologico-didattici (Allegato 3);

· indicate nel DM n. 142 del21 febbraio 2014;

·           presenti a livello regionale, non inserite negli elenchi ai punti a. e b, rispondenti a1 requisiti richiesti dal DM 30 settembre 2011.

Le Università devono essere inoltre in possesso dei seguenti requisiti:

· direzione dei corsi affidata a un professore universitario di I o II fascia, che abbia nel proprio curriculum competenze specifiche sulla metodologia CLIL in ambito linguistico, metalinguistico o didattico;

·attività formative affidate a docenti universitari di discipline linguistiche e glottodidattiche, a docenti universitari di settori. scientifico-disciplinari delle discipline da veicolare competenti nella lingua straniera, a docenti di scuola secondaria di secondo grado ovvero esperti esterni con comprovata esperienza nella metodologia CLIL;

· proposta didattica conforme ai contenuti della Tabella dell'Allegato B del DD n. 6/2012.

Le strutture universitarie interessate dovranno pertanto presentare una proposta didattica che definisca ruoli e responsabilità dei soggetti che partecipano alla formazione nonché le modalità di attuazione.

I criteri per l'individuazione delle Università dovranno tener conto:

  • delle esperienze pregresse in ambito CLIL;
  • delle attività di formazione e di ricerca in ambito CLIL;
  • delle pubblicazioni in ambito CLIL del personale della struttura;
  • della disponibilità a creare rete con altre strutture al fine di qualificare l'offerta;
  • della dimensione territoriale di riferimento della proposta;
  • delle discipline e i relativi Settori Scientifico-Disciplinari che costituiranno oggetto della formazione CLIL;
  • delle sinergie che si prevede di instaurare con altre strutture.
  • La decisione finale sarà adottata tenendo conto prevalentemente dei seguenti criteri:
  • capacità operativa dell'Università;
  • esigenze territoriali. La commissione terrà conto del numero dei corsi attivabili a livello territoriale e delle necessità correlate ai bisogni formativi relativi ai settori scientifici disciplinari ed alle lingue prescelte.

IV. Finanziamento dei corsi

Il finanziamento dei corsi metodologico-didattici di cui al D.M. 351/2014, in considerazione delle motivazioni documentate dalle Università, è fissato in €. 12.000 per ciascun corso.

Detta somma è comprensiva di una quota non superiore al 4% dell'importo complessivo destinata alle spese generali di gestione amministrativa delle iniziative di formazione. Il numero dei docenti partecipanti a ciascun corso sarà da un minimo di 25 ad un massimo di 30 docenti.

Si rimanda alla TABELLA A del decreto AOODPIT prot. n. 956 del l Dicembre 2014 (Allegato l) che riporta il piano di riparto dello stanziamento di € 492.000,00 (quattrocentonovantaduemila//00) per ambiti regionali. Le risorse finanziarie dei corsi verranno impegnate a seguito della selezione delle Istituzioni Scolastiche da parte degli Uffici Scolastici Regionali.

Per semplificare le attività amministrative, questa Direzione Generale, invierà, nei prossimi

giorni, un modello di convenzione tra Università e Istituzione scolastica che può essere utilizzata a tali fini.

Resta inteso che le modalità operative, fornite dalla presente circolare per l'attivazione dei corsi metodologico-didattici di cui al D.M. 351/2014, sono riferite anche ai n. 67 corsi, già autorizzati e finanziati ai sensi del D.M. 821/2013 (Allegato 4). Si allega inoltre l'elenco delle istituzioni scolastiche affidatarie dei fondi (Allegato 5).

Per i citati corsi, già finanziati a seguito del D.M.821/203, nel caso in cui a livello regionale sia stato assegnato più di un corso, sarà cura dell'Ufficio Scolastico Regionale coordinarne l'organizzazione, favorendo l'aggregazione di più corsi presso le stesse strutture universitarie e tenendo presente che il numero dei partecipanti sarà da un minimo di 20 a un massimo di 25 docenti.

Si ringrazia per la collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE

Maria Maddalena Novelli

 

Allegati (mod. pdf)

Allegato 1: AOODPIT prot. n. 956 del l Dicembre 2014 - Indicazioni organizzative e ripartizione regionale dei fondi CLIL di cui al DM 351/2014.

Allegato 2: Modalità candidature docenti (piattaforma miurambientelingue.it)

Allegato 3: Elenco Università selezionate con Bando INDIRE

Allegato 4 : Tabella Riassuntiva dei corsi metodologico-didattici autorizzati e finanziati con DM 821/2013.

Allegato 5: Elenco istituzioni scolastiche affidatarie dei fondi per i corsi metodologico-didattici

di cui al D.M. 821/2013.

Scadenze di: ottobre 2021