Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > Fondi contrattuali alle scuole: sottoscritta l'Intesa

Fondi contrattuali alle scuole: sottoscritta l'Intesa

Nel pomeriggio di oggi, 7 agosto 2014, si è tenuto al Miur un incontro con il seguente o.d.g.: "Riparto del MOF per il periodo settembre 2014 - agosto 2015".

Nel pomeriggio di oggi, 7 agosto 2014, si è tenuto al Miur un incontro con il seguente o.d.g.: “Riparto del MOF per il periodo settembre 2014 – agosto 2015”.

Nell’incontro odierno è stata sottoscritta l’“Intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e le organizzazioni sindacali ai fini della ripartizione delle risorse di cui agli artt. 33, 62, 85, 87 del CCNL 2006/2009 per l’anno scolastico 2014/2015”.

La delegazione SNALS-Confsal ritiene positivi i seguenti aspetti:

-    la rimodulazione tra i due anni scolastici, prevista dall’intesa sottoscritta, delle risorse contrattuali disponibili, in modo da determinare una disponibilità pari ad euro 642,77 milioni per l’a.s. 2014/2015, e 642,76 milioni per l’a.s. 2015/2016;

-    il fatto che le scuole potranno conoscere, già da settembre, gli importi spettanti a seguito del riparto del MOF, in tempo utile da poter effettuare la programmazione delle attività per il prossimo anno scolastico e, conseguentemente, poter definire, in tempo rapidi, i contratti di istituto;

-    l’impegno assunto dall’Amministrazione di comunicare alle scuole, con il programma annuale per il periodo settembre/dicembre 2014, (recante anche l’assegnazione del MOF), che il personale ATA destinatario di posizione economica ai soli fini giuridici, potrà essere, per lo stesso periodo, destinatario di incarichi specifici; ciò, anche in accoglimento della pressante richiesta della delegazione SNALS-CONFSAL di una precisa tutela di tale personale, destinatario (relativamente al periodo settembre-dicembre 2014) di posizioni economiche ai soli fini giuridici.

In merito all’Intesa raggiunta, vi precisiamo che è stato concordato di assegnare, per l’anno scolastico 2014/2015, la somma rimodulata complessiva di euro 642,77 milioni così ripartiti:

 

FIS

507.478.266,00

Funzioni strumentali

44.335.867,00

Incarichi specifici

26.849.600,00

Pratica sportiva

14.698.667,00

Ore eccedenti sostituzione

30.000.000,00

Aree a rischio

18.458.933,00

Comandati

948.667,00

TOTALE

642.770.000,00

 

Nel rinviarvi ad un’attenta lettura dell’Intesa sottoscritta, vi specifichiamo che non è ancora possibile determinare i valori spettanti alle singole istituzioni scolastiche, in quanto l’Amministrazione non è ancora in possesso dei dati definitivi dell’organico di diritto, indispensabili per suddividere gli importi nazionali.

Vi evidenziano, comunque, alcuni aspetti dell’Intesa:

all’Art. 1 - Fondo delle istituzioni scolastiche- La quota complessivamente disponibile è assegnata alle istituzioni scolastiche pari ad euro 507.478.266,00 sulla base dei seguenti parametri:

•    euro 106.846.072,00, in proporzione al numero di punti di erogazione del servizio come risultanti al sistema informativo;

•    euro 311.181.712,00 distribuiti in proporzione ai posti in organico di diritto;

•    euro 2.415.482,00 distribuiti in proporzione ai posti in organico di diritto del personale educativo;

•    euro 87.035.000,00 distribuiti in proporzione ai posti in organico di diritto dei docenti della scuola secondaria di secondo grado ivi compresi i docenti di sostegno

 

All’art. 2 - Funzioni strumentali – E’ stata prevista una quota rimodulata e complessivamente attribuita per le funzioni strumentali, pari ad euro 44.335.867,00 per l’a.s. 2014/2015. Il riparto, ad ogni singola istituzione scolastica, avverrà come segue: calcolando una quota base spettante a tutte le tipologie di scuola esclusi convitti ed educandati, una quota aggiuntiva per ogni istituzione scolastica per ogni particolare complessità organizzativa, una quota spettante per la dimensione dell’istituzione scolastica.

 

All’art. 3 - Incarichi specifici per il personale ATA – La quota rimodulata e complessivamente attribuita per la retribuzione degli incarichi specifici per il personale ATA è pari ad un totale di euro 26.849.600,00, da ripartirsi al fine di determinare la quota unitaria.

 

All’art. 4 - Attività complementari di educazione fisica - Il finanziamento rimodulato di euro 14.698.667,00 per le attività complementari di educazione fisica è così ripartito:

A) per i progetti di avviamento alla pratica sportiva un finanziamento complessivo di € 14.498.667,00, attribuito in base al numero delle classi;

B) una quota da assegnare alle scuole di titolarità dei docenti coordinatori provinciali di € 200.000,00 da suddividere per il numero totale dei docenti coordinatori delle attività sportive pari ad uno per provincia.

Tale importo sarà utilizzato per l’eventuale svolgimento di un numero di ore eccedenti quelle settimanali d’obbligo, (fino ad un massimo di 6 ore), che potranno essere liquidate, solo a seguito della certificazione, da parte dell’ambito territoriale permanente (ATP), dell’effettivo svolgimento di tali ore.

 

All’art. 5 - Ore eccedenti sostituzione colleghi assenti– Sono stati stanziati, complessivamente, per la retribuzione delle ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti, euro 30.000.000,00 così suddivisi: a) alla scuola dell’infanzia e primaria sono destinati € 9.120.000,00 a livello nazionale, da suddividersi in base al totale nazionale di personale docente in organico di diritto per tale ordine di scuola, e da assegnarsi in relazione al numero di docenti in organico di diritto della singola istituzione scolastica; b) alla scuola secondaria una quota complessiva di € 20.880.000,00, da suddividersi in base al totale nazionale di personale docente in organico di diritto di tale ordine di scuola, e da assegnarsi in relazione al numero di docenti in organico di diritto della scuola.

 

All’art. 6 - Misure incentivanti per progetti relativi alle aree a rischio, a forte processo immigratorio e contro l’emarginazione scolastica – La quota rimodulata e complessivamente disponibile per le misure incentivanti per i progetti relativi alle aree a rischio è pari ad euro 18.458.933,00, che sarà oggetto di un successivo e specifico accordo.

 

All’art. 7 - Compensi accessori per il personale scolastico in servizio presso ex IRRE e MPI - La quota rimodulata e complessivamente disponibile per i compensi accessori per il personale scolastico ex articolo 86 CCNL 29/11/2007 è pari ad euro 948.667,00. Con successivo accordo si definirà il criterio e i parametri per l’assegnazione alle sedi di tali risorse.

 

All’art. 8 - Norma finale – L’Amministrazione si è impegnata ad effettuare un’apposita informativa in relazione all’'ammontare delle risorse assegnate ad ogni singola scuola per il finanziamento degli istituti contrattuali.

Inoltre l’Amministrazione  si è impegnata a comunicare, entro il 15 settembre 2014 , le quote di finanziamento spettanti alle scuole, per attivare la necessaria programmazione delle relative attività e le conseguenti contrattazioni integrative a livello di istituto.

 

Per gli adempimenti di cui agli artt. 6 e 7 dell’Intesa e l’avvio delle relative contrattazioni è già stato fissato un incontro per il 4 settembre p.v., data in cui inizierà anche il confronto per il riparto delle economie relative all’a.s. 2013/2014. Sarà nostra cura informavi, e inviarvi, tra l’altro, i singoli parametri di calcolo delle varie voci dell’intesa, non appena l’Amministrazione ce li trasmetterà.

Scadenze di: dicembre 2022