Inserisci parola chiave:                      Ricerca Avanzata

  • Home > 20-11-2017 N. 2736 - NOTA MIUR

20-11-2017 N. 2736 - NOTA MIUR

Argomenti trattati: Inail, nota ministeriale, infortunio,
Adeguamento area applicativa Denunce Di Infortunio INAIL - Comunicazione di Infortunio

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Direzione generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

Ufficio III

 

Prot. 2736  20-11-2017

 

All’Ufficio di Gabinetto

Al capo Dipartimento per la Programmazione

Al capo Dipartimento per l'Istruzione

Al capo Dipartimento per l'Università

Ai Direttori Generali dell’Amministrazione Centrale

Ai Dirigenti dell’Amministrazione Centrale

SEDE

 

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Regionali e degli

Ambiti Territoriali

Ai Dirigenti Scolastici delle istituzioni scolastiche

statali di ogni ordine e grado

LORO SEDI

 

 

Oggetto: Adeguamento area applicativa Denunce Di Infortunio INAIL – Comunicazione di Infortunio

 

 

Si comunica che, in collaborazione con l’ente assicurativo INAIL, è stata adeguata l’area SIDI – Denunce Di infortunio, al fine di gestire le Comunicazioni di infortunio a fini statistici e informativi come previsto ai sensi dell’art. 18 commi 1, lettera r), e 1-bis del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e decreti applicativi.

 

Per ogni buon fine si ricorda che la Comunicazione di Infortunio è l'adempimento obbligatorio, previsto e sanzionabile per legge, a fini statistici e informativi, al quale è tenuto il datore di lavoro in caso di infortunio sul lavoro dei lavoratori dipendenti o assimilati che comportino l’assenza di almeno un giorno escluso quello dell’evento. Per l’invio della comunicazione di infortunio la durata della prognosi riportata sul certificato medico deve essere compresa nell’arco di tempo da uno a tre giorni escluso quello dell’evento.

 

Come da indicazioni dell’ente assicurativo, si precisa che, nel caso un infortunio nasca con una prognosi inferiore ai tre giorni che successivamente, a seguito di ulteriore certificato medico, diventi superiore ai tre giorni, il datore di lavoro dovrà inviare inizialmente la Comunicazione di infortunio e poi, ricevuta notizia del prolungamento di prognosi, la Denuncia di infortunio.

 

L’obbligo normativo dell’invio della comunicazione prevede, come per la denuncia, che il datore di lavoro invii la comunicazione entro le 48 ore dalla ricezione dei riferimenti del certificato medico.

 

Per eventuali dettagli aggiuntivi o chiarimenti normativi riguardo all’adempimento amministrativo della Comunicazione di Infortunio si prega di rivolgersi, per competenza, all’ente assicurativo.

 

Accedendo all’area SIDI – Gestione Denunce di Infortunio INAIL sarà possibile selezionare la tipologia di adempimento amministrativo:

 

- Comunicazione di Infortunio;

- Denuncia di Infortunio.

 

In particolare selezionando Comunicazione di Infortunio, sarà possibile procedere con l’inserimento di una nuova comunicazione scegliendo opportunamente, come già previsto per la denuncia, la gestione “conto stato” oppure la gestione “ordinaria”.

Terminata la compilazione di tutte le sezioni (Firma Autocertificazione, Datore di Lavoro, Lavoratore, Descrizione dell’infortunio) sarà possibile procedere con l’invio in cooperazione applicativa della comunicazione di infortunio.

Si raccomanda di prestare particolare attenzione al buon esito dell’invio della comunicazione, che sarà notificato all’utente tramite un apposito messaggio, e alla ricezione della relativa ricevuta di ritorno.

Nel caso in cui la notifica dell’invio dia esito negativo, si dovrà procedere ad effettuare le modifiche necessarie per eliminare la causa dell’errore, utilizzando le preposte funzionalità SIDI di “Gestione Comunicazione/Denunce di Infortunio”, e, quindi, procedere nuovamente con l’invio secondo le stesse modalità.

Una volta inviata con esito positivo, la comunicazione di infortunio, come da indicazioni dell’ente assicurativo, non potrà essere rettifica e/o integrata tramite le funzionalità SIDI di “Gestione Comunicazione/Denunce di Infortunio”.

Inoltre, a differenza delle denunce, per le comunicazioni di infortunio il modulo del datore di lavoro, in formato pdf, sarà disponibile solo in caso di invio con esito positivo e sarà quello restituito dall’ente assicurativo, così come avviene per la ricevuta di invio.

 

Si ricorda che per l’ area applicativa SIDI “Denunce di Infortunio INAIL” esiste il seguente profilo:

§  utente Denunce: per l’utilizzo delle funzioni di “Nuova Comunicazione/Denuncia di Infortunio”, “Gestione Comunicazione/Denunce di Infortunio” e “Consultazione Comunicazione/Denunce di Infortunio”.

 

Come per la denuncia, è prevista la figura del delegato, in qualità di chi compila e autocertifica la comunicazione, che potrà essere prescelto dal proprio datore di lavoro, responsabile del procedimento amministrativo, mediante abilitazione all’utilizzo delle preposte funzioni con le usuali modalità di profilatura:

- i dirigenti scolastici, come referenti della sicurezza (provvisti del profilo di amministratore per l’area Denunce di Infortunio INAIL ), potranno procedere autonomamente profilando il proprio personale delegato;

- i dirigenti amministrativi potranno invece rivolgersi al proprio referente della sicurezza richiedendo l’abilitazione del proprio personale delegato.

 

Si ricorda che è possibile conoscere i propri referenti della sicurezza tramite il percorso Gestione Utenze -> Utenze Statali -> Interrogare Lista referenti; a tali referenti si può fare richiesta di eventuali ulteriori abilitazioni ai profili e/o modifica e integrazione dei contesti presenti.

 

Il materiale informativo, comprensivo del manuale utente e delle FAQ aggiornate, è pubblicato nell’area informativa SIDI accessibile dalla home page, al percorso Supporto ai Procedimenti Amministrativi – Denunce di Infortunio INAIL.

 

Per problemi di natura tecnica è possibile rivolgersi al numero verde 800.903080.

Si ringrazia per la cortese collaborazione.

 

Roma, 20 Novembre 2017

 

Il Dirigente

Paolo De Santis